Per chiedere informazioni all'autore del blog, oppure per chiedere indirizzi di buoni conventi e monasteri, scrivete all'indirizzo: cordialiter@gmail.com

mercoledì 31 luglio 2013

Cosa fare dopo l'università?

Ritengo sia importantissimo incoraggiare le persone attratte dalla vita religiosa a resistere alle lusinghe del mondo. Riporto alcuni brani di una lettera di una lettrice e la mia risposta.

Caro D.,
             sono lieta che la mia lettera ti sia piaciuta. Quanto alla pubblicazione, se credi che così modestamente, io possa esserti d'aiuto nella tua causa, usala pure, sia per quanto riguarda i modi, che per i tempi! :)

Questa settimana purtroppo non ha prodotto molti "risultati vocazionali" in quanto incombono ancora esami. Come ti dicevo infatti, sono solo all'inizio... ho ancora tanto da ascoltare, ma soprattutto pregare quotidianamente.

[…] Grazie ancora per la risposta e per le preghiere, ricambio con affetto.

A presto,
(lettera firmata)

Cara sorella in Cristo,
                                   ritengo che sia una cosa utile pubblicare le lettere-testimonianze come la tua. Sono davvero convinto di ciò. Posso affermarlo con sicurezza perché mi hanno scritto delle persone per dirmi che rimangono edificate e incoraggiate nel leggere le testimonianze altrui. Un conto è pensare di essere soli, altro conto è sapere che da qualche altra parte d'Italia ci sono altre persone che stanno vivendo esperienze di fede simili. Il mondo cerca di scoraggiare coloro che fanno discernimento vocazionale, per questo motivo è importantissimo contrastare lo scoraggiamento, e uno dei modi per farlo è di far leggere le testimonianze altrui. È entusiasmante leggere le storie di conversioni e vocazioni di altre persone, si pensa subito “se sono riusciti gli altri, posso riuscirci anche io con l'aiuto di Dio”.

Per quanto riguarda il tuo futuro, spero con tutto il cuore che Gesù buono voglia prenderti tutta per Sé in qualche ordine religioso fervoroso e fedele alla propria regola. A tale scopo sto pregando per te affinché se la tua è una vera vocazione, tu possa essere perseverante, mentre se non hai la vocazione chiedo al Signore di donartela. Certo che si può chiedere per se stessi o per gli altri il dono della vocazione, anche Santa Teresina lo faceva.

Questo è un momento importantissimo della tua vita perché stai riflettendo sullo dello stato di vita che dovrai eleggere prima o poi. La tua anima è stata pagata a caro prezzo dal mio Re, ecco perché ci tengo assai che tu possa salvarti e farti santa. Ti confesso che sono un po' preoccupato, sai perché? Quando finirai Giurisprudenza avrai concrete possibilità di iniziare la carriera forense, la quale consente di guadagnare tanti soldi, ma è una carriera “pericolosa” perché ci si espone a fare dei “compromessi inaccettabili”. Sia chiaro, anche gli avvocati possono vivere santamente, lo stesso Sant'Alfonso prima di diventare sacerdote fu un onesto e brillante avvocato. Tuttavia sappiamo bene come vanno le cose, e certi avvocati pur di vincere le cause o comunque di guadagnare soldi, non esitano a fare cose “scorrette”, per usare un eufemismo. Se invece abbraccerai la vita religiosa, non avrai problemi di questo tipo, non dovrai affannarti in liti giudiziarie, cavilli e imbrogli, poiché la tua unica missione sarà di amare il tuo Sposo Divino con tutto il cuore, con tutta l'anima e con tutte le tue forze, e per amor Suo amare il prossimo come te stessa, anzi amare come Lui stesso ci ha amati. Se ti capita di passare in qualche libreria ti consiglio di comprare il libro “Pratica di amar Gesù Cristo” di Sant'Alfonso Maria de Liguori, sono certo che ti farà ardere ancora di più di carità verso Dio e verso il prossimo. Un Giorno saremo giudicati sull'amore.

Non vedo l'ora che tu parta per Lourdes, sicuramente la Madonna cercherà di aiutarti a comprendere quel che Dio desidera che tu faccia.

Ti incoraggio a perseverare nel discernimento vocazionale e ti saluto cordialmente in Gesù e Maria,

Cordialiter