Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com

Visualizzazioni totali

domenica 6 settembre 2015

Far conoscere Gesù ai bambini

Il Magistero della Chiesa insegna che tutti i cristiani hanno la vocazione alla santità e all'apostolato...

Ciao D.,
                 perdonami se non ti scrivo da mesi... Certo, il tuo blog lo frequento ancora! Non lo leggo sempre ma quando mi viene voglia di leggerlo vado e trovo sempre delle parole che confortano il cuore! Io sto molto bene e spero che anche tu stia bene. :)

Sai, l'anno che è trascorso è stato molto difficile e molto pesante, e credo che in molte situazioni non ce l'avrei proprio fatta senza l'aiuto di Dio e di Maria. Inoltre, ho capito che il mio desiderio di aiutare Gesù per quanto forte sia non è vera vocazione […]. Ma anche se non ho la vocazione non significa che mi allontanerò da Gesù, anzi. Credo che non debbano essere solo i religiosi a doversi comportare da bravi cristiani solo perché si sono donati a Dio, ma piuttosto che sia un dovere di tutti, perché Dio vuole che tutti rispondiamo alla vocazione che ognuno ha, ossia quella che ci chiama alla santità. Dio ci vuole tutti in cielo con lui, e bisognerebbe che tutti si impegnassero per raggiungere questo obiettivo, indipendentemente dallo stato di vita a cui Dio ci chiama.

Dunque, anche se non in un convento, io voglio restare fedele a Dio e voglio anche io farmi santa... certo, non diventerò come i grandi santi, ma nel mio piccolo anche io voglio fare di tutto per prepararmi al momento in cui mi troverò davanti a Gesù, voglio che in quel momento la mia anima sia pulita affinché Gesù mi porti con sé in cielo. Vorrei che anche nel cuore degli altri ci fosse questo desiderio... a cominciare dalla mia famiglia. Quando alla domenica vado in chiesa per la messa, mia sorella mi segue e ho notato che soprattutto negli ultimi mesi è anche più attenta durante la celebrazione, specie durante la lettura del Vangelo... e c'è di positivo che le piacciono molto le figure di Gesù e di Maria. Mia mamma invece viene meno spesso in chiesa, però le piace quando le parlo della religione. Quello che mi preoccupa di più invece è mio padre... non immagini nemmeno quanti Rosari abbia detto per lui... e quanto abbia pianto per lui. Con mia sorella e mia mamma mi viene più semplice parlare di Dio, e loro mi ascoltano e cercano anche di mettere in pratica qualcosa... tipo mia sorella ha cominciato a pregare la sera e lo stesso mia mamma... anche mio papà prega, è stato lui ad insegnarmi le prime preghierine quando ero molto piccola, e io credo che se solo lo volesse potrebbe diventare un bravissimo cristiano, e non lo dico perché è mio padre. Spesso ho parlato con lui di Dio ma temo che non sia servito a niente perché non ho visto cambiamenti... il punto è che io voglio che anche loro si salvino e che vengano un giorno in cielo con me... è un dono così grande quello di poter stare per sempre con Dio che vorrei che non lo sciupassero...

Ti vorrei chiedere se puoi ricordare nella preghiera la mia famiglia e in particolare mio padre... io continuo a sperare che le cose possano cambiare, anche se in certi momenti sperare è molto difficile...

Ti saluto in Gesù e Maria,
(Lettera firmata)


Cara sorella in Cristo,
                                      mi ha fatto molto piacere risentirti, sono felicissimo di sapere che stai perseverando sulla strada della vita cristiana, disprezzando la vita mondana e tutte le vanità della terra.

Hai ragione, tutti i cristiani, anche i fedeli laici, hanno il dovere di ricercare la propria personale santificazione. Inoltre hanno il dovere di cercare di diffondere tra gli uomini l'amore per Dio mediante la preghiera o altre forme di apostolato. Ti incoraggio a continuare nell'opera di apostolato che stai svolgendo nella tua famiglia, soprattutto nei confronti della tua sorellina. Purtroppo, oggi molti bambini vivono come atei, perché nessuno gli parla di Gesù e delle cose spirituali. In televisione, a scuola e anche in famiglia sentono quasi esclusivamente discorsi materiali che allontanano il cuore da Dio. Leggendo il Vangelo si nota che Gesù ama molto i bambini, perché costoro sono persone semplici, gioiose e innocenti, e che quindi accolgono volentieri i suoi insegnamenti. La fanciullezza è un periodo importantissimo della vita: se un bambino riceve dei buoni insegnamenti ci sono maggiori probabilità che da grande possa vivere da buon cristiano; se invece riceve insegnamenti cattivi, c'è un alto rischio che da grande diventi una persona malvagia. Se vuoi posso regalarti dei libri spirituali che possono esserti utili, posso donarti anche qualche libro cristiano per bambini. Per me è una gioia diffondere la buona stampa cattolica.

Ti consiglio di scrivere alle suore di qualche monastero di clausura. Le claustrali sono felici di pregare per il prossimo, questa è la loro missione. Chissà quante grazie piovono sul mondo mediante le preghiere delle suore di clausura.

Carissima in Cristo, continua a vivere avendo sempre il cuore rivolto al Signore. Purtroppo, come tu stessa ti sei accorta, nel mondo dilagano la corruzione, l'immoralità e la cupidigia dei beni materiali. Ma su questa terra tutto è vanità delle vanità fuorché amare e servire Dio.

Approfitto dell'occasione per porgerti i miei più cordiali e fraterni saluti in Gesù e Maria,

Cordialiter