Per chiedere informazioni all'autore del blog, oppure per chiedere indirizzi di buoni conventi e monasteri, scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com

Visualizzazioni totali

domenica 11 settembre 2016

Portare le anime a Dio

Pubblico un riassunto di una lunga lettera che una lettrice del blog ha scritto a un istituto di suore.

Pace e bene,
                       mi chiamo [...], sono una ragazza di […], sto facendo discernimento vocazionale. Vorrei raccontarle la mia chiamata. Ho fatto esperienza in due comunità religiose, ma vi seguo da sempre, e ogni giorno, e più vi seguo più ho capito, anzi il Signore mi ha fatto capire che quello che fate è la mia vita... vivere in totale povertà, senza nulla di proprio, trasmettere ai giovani gioia, amore, felicità che solo con l'amore di Gesù Cristo possiamo dare. Spero leggerà con attenzione la mia mail. Io non ho più dubbi, voglio venire da voi e seguire Cristo sui passi di Francesco e Chiara. Ho sentito la chiamata del Signore a 15 anni, precisamente il 27 aprile del 2000. Poi sono stata male per 10 anni, ho sofferto di disturbi alimentari. Ma in questo lunghissimo periodo di sofferenza ho sempre sentito Gesù accanto a me, sempre al mio fianco. Avevo perso tutto nella mia vita, amici, serenità, gioia, tutto, ma soprattutto l'anima... ma nonostante tutto, anche se io stavo malissimo, anche se non potevo alzarmi dal letto per andare a messa, per andare dal mio “Fidanzato”, pregavo a letto, pregavo quel Crocifisso che per me era tutto, era il mio AMORE, la mia VITA... sapevo che Gesù sapeva tutto perchè aveva visto tutta la mia sofferenza da lassù e non mi ha mai lasciata sola, mai! Lo sentivo presente, lo sentivo vivo al mio fianco! Dopo tutti questi anni di ricoveri vari, solo due cose mi hanno salvato la vita due volte: l'amore di Gesù e la preghiera! E adesso che sto bene, che Gesù mi ha guarita, lo sento sempre e ancora più forte vicino a me, in ogni cosa che faccio c'è Gesù! Mi ha purificato l'anima con il suo amore e mi ha dato un nuovo cuore affinché sia pronta ad aiutare il prossimo, chi soffre, e avvicinarlo a Lui.

Mi è successa una cosa stupenda, una cosa che mi ha fatto capire davvero che non è solo quello che vuole Gesù, ma lo voglio anche io. Un giorno mi telefona una signora che abita vicino casa mia e mi dice: “So cosa hai passato, e sto vedendo cosa il Signore ha fatto in te, ti ha trasformata. Mia figlia sta passando un periodo uguale al tuo, non mangia più, non parla con nessuno da 6 mesi, non esce. Non so come fare, tu potresti aiutarla?” Andai da questa ragazza, ma non voleva nemmeno vedermi, beh in effetti era magrissima e non parlava, era come se avesse paura di me! Io mi avvicinai e le dissi di non avere paura! Ci siamo sedute, e lì mi aprii a lei, raccontai la mia storia, a cosa andavo incontro con quella malattia e come sono guarita. Dissi solo una frase: “Guardai Gesù e lui mi ha guarito con un sorriso!” A quel punto quella ragazza ha pianto in silenzio. Dopo un poco si mise a parlare, si sfogò! Non ero una psicologa, né un medico, ma la capivo perchè stava passando tutto quello che avevo passato io! Allora le presi la mano e lei mi sorrise! Dopo entrò la madre, e sentendola parlare, si chinò dinanzi a me e mi disse: “Questo è un miracolo, come hai fatto?” Io risposi: “Signora, io non ho fatto niente, ha fatto tutto Lui, il nostro Padre celeste, Colui che è amore.” Dopo, questa ragazza si alzò e disse: “Preghiamo?” Io lì ero piena di gioia. Prese me e sua madre per mano e abbiamo pregato al Padre nostro che è nei cieli e a Maria. Dopo mi ha stretto fortissimo e mi ha detto grazie. Giorni dopo mi ha chiamato sua madre e mi ha detto che sua figlia era cambiata, mangiava, parlava, andava in chiesa e si era persino confessata.

Ieri a pranzo mi è successa una cosa. Mio fratello si sta mettendo in politica, e parlava che sta facendo di tutto per farsi votare, così solo potrà realizzarsi guadagnando 2000 euro al mese e comprar ville e villini. Io stavo male, mi piangeva il cuore a sentire quelle cose, sentivo che Gesù mi diceva di restare calma. Credo che Gesù indica sempre questa mia missione: Salvare le anime e avvicinarle a Lui. Penso solo una cosa, io voglio seguire Francesco portando la parola di Gesù al mondo ma voglio fare anche come Chiara, cioè pregare tanto per tutte le anime lontane da Dio e avvicinarle a lui, solo così potrò realizzarmi, salvando le anime, quelle anime che non conoscendo la parola di Gesù si allontanano e non credono. Sì, voglio questo e ringrazio Gesù per avermi sempre indicato questa strada, ringrazio davvero per essere stata malata e di aver sofferto tanto.

Ho fatto esperienza in due comunità, ma più vi guardo, più vi seguo e più mi sono innamorata del vostro carisma, come quello di san Francesco ...di vita attiva, missionaria, portando la Parola a tutti e in tutto il mondo, l'insegnamento.... che bello! La prima volta che mi dissero “Gesù ti ama, ti sta aspettando”, furono parole che toccarono la mia anima, rimanendo impresse nel mio cuore. Quell'amore che mi è sempre mancato, quell'amore puro, sincero, profondo che solo Lui può dare. Sapere che è stato Lui a conoscermi per prima, ad amarmi per prima, fa un effetto stupendo... sentirsi amata da Gesù è una sensazione unica, ecco perchè mi sono innamorata, pazzamente. Innamorarsi di Gesù non è solo stupendo, ma è tutto. Ma mi chiedevo sempre come mai potesse Amare proprio me. Mi sono chiesta ogni giorno se tutto questo sia reale: sì, lo è! Gesù mi chiama e io lo amo follemente. Quanto vorrei che tutte le persone, specialmente i giovani, si convertissero a Gesù!