Per chiedere informazioni all'autore del blog, oppure per chiedere indirizzi di buoni conventi e monasteri, scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com

Visualizzazioni totali

mercoledì 1 giugno 2016

Disprezzare la mondanità

Tempo fa uno studente mi disse che si sentiva chiamare al sacerdozio, ma doveva terminare la scuola. Il problema era che nel mondo...

Buonasera,
                   dopo diverso tempo che seguo il suo blog, ho finalmente trovato il "coraggio" di scriverle. Volevo parlarle un po' di me, siccome vedo la sua gentile pazienza nell'ascoltare le persone. Mi chiamo [...] e sono un ragazzo di 19 anni che frequenta l'ultimo anno delle superiori. Oramai è da molti mesi che sento la chiamata del Signore a consacrarmi a Lui. Inizialmente, impaurito da una simile scelta di vita, ho scartato subito l'idea. Poi attraverso la preghiera ed i sacramenti ho potuto constatare come questa vita sia per me migliore di qualsiasi altra! Questo mi riempie di una gioia immensa! :) Da circa un mese ho poi avuto modo di parlare di questo mio desiderio con un sacerdote a me caro, il quale mi ha subito accolto come suo padre spirituale. Ora attendo la volontà del Signore, che sicuramente non ritarderà!

Leggendo il suo blog ho potuto constatare come tante persone, che come me sentono la chiamata del Signore, non riescano più a vivere con questa società. Ogni volta che devo per le più svariate ragioni confrontarmi con essa mi ritrovo in un mondo pieno di peccato. […] Io vorrei distaccarmi da tutto ciò che è mondano, ma a volte casco nelle "trappole" che il mondo offre. […] Ora poi a scuola si parla di organizzare la gita scolastica a Praga... io non vorrei andarci ma come spiegarlo ai miei compagni? Mi è veramente difficile seguire Cristo in certe situazioni.

Le chiedo perciò di ricordarmi nella preghiera affinchè riesca a distaccarmi da tutto ciò che mi impedisce di rimanere con Cristo.

Sperando di essermi fatto capire, le auguro un buon fine settimana.
A risentirla.
(Lettera firmata)


Caro fratello in Cristo,
                                     dammi pure del tu (lo preferisco). Dalle e-mail che ricevo ho l'impressione che il blog sia seguito prevalentemente da un pubblico femminile (anche nelle chiese la maggioranza delle persone presenti sono donne), ma sono contento che tra i lettori ci siano anche dei ragazzi che aspirano al sacerdozio cattolico. Le suore sono importanti per la Chiesa, ma i sacerdoti sono ancora più importanti perché possono amministrare i Sacramenti.

Comprendo bene il tuo disagio quando stai a contatto con persone che vivono mondanamente. Purtroppo, il mondo è interessato a tutto (divertimenti, soldi, gossip, sport, viaggi, cinema, feste, ecc.) tranne che ad amare Dio e a lottare per la salvezza eterna dell'anima.

Ai tuoi amici che tenteranno di convincerti ad andare a Praga, puoi semplicemente rispondere che non hai voglia di andare in gita, senza entrare nei particolari. Io, la mia ultima gita scolastica l'ho fatta nel 1997. I miei amici tentarono di convincermi ad andare in discoteca, ma tenni duro e rimasi a dormire in albergo (non sopporto il frastuono e lo stordimento che regna nelle discoteche). Nonostante le insistenze degli amici, l'anno dopo decisi di non andare nemmeno in gita. Non ero “asociale”, anzi, stavo sempre in mezzo agli alunni di tutte le classi, visto che ero stato eletto rappresentante d'istituto; ma ormai ero stufo di quelle cose.

I santi insegnano che chi ama Gesù Cristo deve disprezzare la mondanità. Non è possibile nessun compromesso tra il Vangelo e lo spirito mondano che dilaga in questa società paganizzata, sono davvero inconciliabili.

Spero tanto che tu possa entrare in qualche ordine religioso fervoroso e osservante. Ti incoraggio a perseverare nel discernimento vocazionale e ti saluto cordialmente in Gesù e Maria,

Cordialiter

P. S. ti consiglio di leggere una bella lettera di sant'Alfonso Maria de Liguori indirizzata a un ragazzo che stava deliberando lo stato di vita da eleggere: http://vocazione-religiosa.blogspot.com/2011/01/lettera-aperta-un-ragazzo-in.html