Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com

Visualizzazioni totali

mercoledì 6 aprile 2016

Divina Misericordia

Pubblico la lettera di una studentessa universitaria.

Gentilissimo D.
                           […] Ti confido che leggo il tuo blog quotidianamente, mossa soprattutto dalla curiosità di rintracciare nelle parole di quelle numerosissime lettere e nelle tue rispettive risposte, quei sentimenti comuni ai miei. Da quando mi interrogo con maggiore consapevolezza e insistenza sul mio futuro e sul senso da dare alla mia vita ho scoperto cose impensabili: l'amore incondizionato di Dio nei nostri confronti, l'avere sacrificato suo Figlio per la nostra salvezza e il darci comunque la libertà di accoglierla o meno, senza alcuna imposizione e nel rispetto della nostra libertà. Ma quanto è paziente!!!!....non sono rari tuttavia in me i pensieri di disistima nei confronti di ciò che sono, e i tentativi di allontanamento dal Signore dopo essere caduta nell'errore, tentativi che cerco di scoraggiare sforzandomi piuttosto di mantenere un dialogo con Lui; [...] ed ecco finalmente la richiesta di perdono e misericordia. Nella vita quotidiana cerco di applicare questo bagaglio spirituale imitando quanto più fedelmente Cristo, e cioè perdonando l'offesa, essendo più comprensiva, più altruista, mi sforzo di esserlo nella speranza che tutto ciò divenga sempre più naturale, ma non sempre ci riesco, tuttavia non mi scoraggio. Chiedo ogni giorno al Signore di indicarmi la via, di darmi chiarezza dei suoi progetti su di me, ed è un lavoro che cresce giorno dopo giorno. Al momento cerco di portare a termine ciò a cui il dovere mi chiama, talvolta anche contro la mia volontà. Ma sono tante le mie aspettative per il futuro, tutte accomunate dal desiderio di servire l'uomo più umile, debole, povero, smarrito della terra, e Cristo che è in lui. Mi accorgo di avere acquisito da qualche tempo a questa parte una maggiore forza e serenità, dovute a Lui ovviamente, e mi auguro di comprendere quanto prima ciò a cui Dio mi ha destinata, realizzando così la mia felicità e la sua volontà. Tu come stai?...mi auguro ottimamente!...ti invito a continuare sempre con la stessa passione la cura del blog, perché ha seminato e continua a seminare un tale bene!...attendo con impazienza una tua risposta e le tue riflessioni su quanto ho scritto. Non risparmiare nulla, sii schietto!

Cordiali saluti nell'abbraccio del Signore!

Una tua carissima sorella in Cristo! :)

P. s. Per tutti coloro che desiderano ardentemente comprendere il senso da dare alla propria vita (ho ancora impresse nella mia mente le parole del Papa rivolte ai giovani nelle quali invitava a spendere la propria vita per alti ideali e avere il coraggio di andare controcorrente) non abbiate timore di approcciarvi a Dio, fonte di amore e misericordia infinite, a Cristo Gesù e alla Madre celeste, e di invocare lo Spirito Santo nei momenti di difficoltà o di confusione totale o simili. Vi assicuro che nel rivolgervi a Loro con preghiera costante trarrete tutte le risposte alle vostre domande, ma cosa più importante vi scoprirete amati di un amore totale e umanamente impossibile, vi scoprirete persone nuove, portatrici di speranza. Non vi nascondo che la strada è ardua, ma la felicità che ne trarrete sarà insostituibile. 


Cara sorella in Cristo,
                                    sono molto contento di constatare che stai continuando a riflettere sullo stato di vita da eleggere, senza escludere di abbracciare la vita religiosa. Sono passati diversi mesi dalla tua prima e-mail, ed è incoraggiante sapere che stai perseverando nel discernimento vocazionale. Sai, ricevo tante e-mail da parte di persone che sembrano entusiaste di consacrarsi a Dio, poi però dopo pochi giorni il loro entusiasmo si spegne come un fuoco di paglia. Per questo motivo sono contento di sapere che invece tu stai ancora pensando seriamente alla vocazione religiosa. Non è facile essere cristiani in questa società pagana che in mille modi tenta di allontanarci da Dio. Il nemico del genere umano quando si accorge che una persona è attratta dalla vita devota, incomincia a tentarla insinuandole nella mente dei pensieri di questo tipo: “Ma chi te lo fa fare a praticare la vita devota e a occuparti delle questioni spirituali? Lascia perdere queste cose, adesso sei giovane, devi divertirti, fare carriera, avere successo, ammassare beni materiali, come cercano di fare tanti altri! Se non farai come come gli altri, verrai criticata ed emarginata. Devi conformarti alla massa, non devi andare controcorrente! Che cosa ci guadagni nel sforzarti di vivere in maniera più cristiana? La gente del mondo ti prenderà in giro e ti perseguiterà! Lascia stare la vita devota, divertiti, vai in discoteca, sballati! Se non ti godi la vita adesso che sei giovane, quando ti divertirai?”

Purtroppo, questi pensieri diabolici, chissà quante anime allontanano da Dio! Non bisogna farsi ingannare dalle seduzioni del mondo e del demonio! Bisogna avere il coraggio di non arrendersi alla mentalità mondana, dobbiamo ricordarci sempre che su questa terra siamo di passaggio solo per breve tempo, mentre il nostro vero scopo deve essere quello di conoscere, amare e servire il Signore nella speranza di salvarci l'anima e di andare in Cielo ad amarlo per tutta l'eternità. Gesù nel Vangelo ha detto: “Che giova all'uomo guadagnare il mondo intero, se poi perde l'anima sua?” La Madonna a Fatima ha fatto vedere l'inferno ai tre pastorelli e ha detto che molte anime si dannano. Dunque non dobbiamo lasciarci trascinare dalla mentalità perversa che dilaga nel mondo, dobbiamo rimanere fedeli a Dio anche a costo di andare controcorrente e subire le critiche dei mondani. Che ce ne importa di quello che pensa il mondo? Ciò che conta davvero è quello che pensa Dio.

Se diventerai suora in un buon istituto nel quale si vive in maniera fervorosa la vita religiosa, avrai la possibilità di dedicarti con più facilità alla vita devota e alla ricerca delle perfezione cristiana. Inoltre, visto che ti senti portata per la vita apostolica, potrai dedicarti ad aiutare i bisognosi, non solo materialmente, ma soprattutto spiritualmente. Infatti bisogna cercare di condurre le anime Dio, le quali sono state pagate a caro prezzo da Gesù Cristo, immolandosi sulla croce del Golgota in espiazione dei nostri peccati.

Per quanto riguarda la tua vita spirituale, il nemico del genere umano potrebbe approfittare delle cadute per cercare di indurti allo scoraggiamento. Dopodiché sarà facile per lui spingerti ad abbandonare la vita cristiana, e a farti tuffare nella vita mondana per dedicarti solamente alle cose vane della terra. Nel percorso di perfezionamento cristiano non devi arrenderti mai. Quando commetti delle colpe, devi tornare subito ai piedi di Gesù buono, pensando alle atroci sofferenze che il Redentore Divino ha patito per te durante la sua dolorosa Passione, e chiedendogli umilmente perdono. È commuovente riflettere sulla Divina Misericordia, il Signore è davvero infinitamente buono ed è sempre pronto a perdonarci quando toniamo a Lui col cuore contrito.

Spero tanto che in occasione delle prossime vacanze tu possa fare un'esperienza vocazionale in convento per vedere se sei portata per la vita religiosa. 

Approfitto dell'occasione per porgerti i miei più cordiali e fraterni saluti in Gesù Misericordioso e in Maria Madre di Misericordia,

Cordialiter