Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com

Visualizzazioni totali

martedì 12 gennaio 2016

A chi donare il cuore?

Tempo fa, una delle numerose studentesse universitarie che frequentano questo blog, mi ha confidato di sentirsi innamorata...

Caro D., in questi giorni più che mai, mi sento innamorata del nostro Gesù!

Spesso ho pensato di scriverti, perchè è davvero edificante leggerti ogni mattina, dopo la preghiera, quasi a conclusione della preghiera stessa, prima di cominciare la giornata.

[...] se puoi, ricordati di me nelle tue preghiere.

grazie ancora!

(Lettera firmata)

Cara sorella in Cristo,
                                   mi ha fatto molto piacere sapere che sei ancora innamoratissima di Gesù buono. In questi mesi in cui non ho ricevuto più tue notizie ho temuto che il tuo pellegrinaggio in Francia fosse andato male e che non avessi più il desiderio di donarti a Dio. Volevo scriverti per sapere se andava tutto bene, ma non l'ho fatto per non essere invadente. Sono contento che frequenti ogni giorno questo blog sulla vocazione religiosa. In effetti mi sforzo di pubblicare quotidianamente almeno un post, proprio per aiutare i lettori a riflettere ogni giorno sulla vocazione. Il nemico del genere umano vorrebbe che pensiate ad altro (beni materiali, divertimenti, successo e vanità varie) e che vi dimentichiate della vita religiosa. Bisogna contrastare questa pericolosa tentazione!

Ti confesso che mi dispiacerebbe un po' se venissi a sapere che hai donato il tuo cuore a qualche uomo della terra. Sì, la mia speranza è che tu possa essere catturata presto da Gesù buono in qualche buon monastero.

Sarebbe bello se potessi partecipare agli esercizi spirituali di Sant'Ignazio di Loyola per poter comprendere meglio quel che il Signore desidera da te. Inoltre, pur sapendo che sei impegnata con gli esami universitari, spero che tu riesca a trovare una settimana di tempo per andare in un monastero per fare un'esperienza vocazionale, cioè fare esperienza di vita religiosa insieme alle suore, così potrai vedere se sei portata per questo genere di vita. Lo spero per il tuo bene! In un monastero fervoroso e osservante, non solo ti sarà facile salvarti l'anima, ma ti sarà facile anche vivere il Vangelo in maniera più profonda, senza avere le preoccupazioni materiali della vita nel mondo.

Approfitto dell'occasione per porgerti i miei più cordiali saluti in Corde Regis,

Cordialiter