Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com

Visualizzazioni totali

sabato 31 ottobre 2015

Seguire la vocazione

Riporto alcuni brani di una lettera di una ragazza.

Carissimo fratello in Cristo,
                                           […]. Per 4 anni ho negato e rifiutato ogni segno o sentore di chiamata religiosa [..] sono stati anni di intensa e profonda tribolazione e sofferenza interiore! Se finalmente ho deciso di agire diversamente è soltanto perché mi sono resa conto che la mia indecisione sullo stato di vita da abbracciare deve terminare [...] a volte mi chiedo il perché di tanta predilezione da parte del Signore nonostante la mia indegnità!

E' davvero difficile mettere per iscritto ciò che si sente nel cuore in certe situazioni ed io ti ringrazio per la tua disponibilità e pazienza! L'averti scritto e lo scriverti mi aiuta tanto, mi dà forza... ti chiedo scusa se sono stata inopportuna e se ti ho fatto perdere del tempo prezioso con queste mie mails insensate!

Non voglio più disturbarti perché mi rendo conto di non scrivere nulla di coerente... voglio solo dirti ancora grazie e chiederti di pregare per me:) niente di più...

un abbraccio... continuerò a leggere il blog...

(lettera firmata)


Cara sorella in Cristo,
                                   non devi chiedermi scusa di nulla e non devi preoccuparti; per me non è una scocciatura ricevere lettere da parte di persone attratte dalla vita religiosa, anzi è davvero una gioia rispondere e incoraggiare le anime a seguire Cristo in qualche buon ordine religioso. Quindi se vorrai scrivermi, leggerò con piacere le tue lettere e ti risponderò volentieri. Ci tengo moltissimo ad ogni singola vocazione, dunque anche alla tua. Non voglio che nemmeno una vada persa. Ogni vocazione è un tesoro non solo per colui che la riceve, ma anche per tutto il resto della Chiesa Cattolica che è il Corpo Mistico di Cristo. Ti confesso che non vedo l'ora che tu vada in convento per fare un'esperienza vocazionale. So chi è il tuo direttore spirituale, è un sacerdote molto preparato, e se ha visto in te i segni vocazionali, c'è da credergli.

Perché tra tante altre ragazze il Signore ha scelto proprio te? I decreti divini sono imperscrutabili, però ciò che è certo è che Lui non sceglie in base ai meriti, quindi la tua chiamata è solo un'opera del suo amore gratuito. In convento sarà molto facile per te disprezzare tutte le vanità della terra (ricchezze, successo, moda, ecc.) e vivere solo per amare Dio e per salvare le anime con la preghiera, la penitenza e l'apostolato. Queste sofferenze interiori che stai patendo sono il tuo campo di battaglia. La vita su questa terra è una prova, cioè dobbiamo provare a Dio che lo amiamo davvero con tutto il cuore e sopra ogni cosa. Il vero amore si dimostra nel saper soffrire per la persona amata. Tu ora stai soffrendo molto, ma è proprio in questa sofferenza che stai dimostrando di amare Dio. Senza che te ne rendi conto, in ogni istante di dolore stai dicendo che preferisci soffrire questi patimenti interiori anziché ribellarti alla volontà del Signore che ti sta chiamando alla sua sequela in uno dei migliori ordini religiosi presenti in Italia.

Le tue sofferenze sono una vera e propria croce, ma senti un po' quel che scrisse in proposito Santa Gemma Galgani: ...Mi ha detto poi Gesù: «Sai, figlia mia, in che maniera io mi diverto a mandare le croci alle anime a me care? Io desidero possedere l'anima loro, ma intera, e per questo la circondo di croci, e la chiudo nelle tribolazioni, perché non mi scappi di mano; e per questo io spargo le sue cose di spine, perché non si affezioni a nessuno, ma provi ogni suo contento in me solo. È l'unica via per vincere il demonio e giungere a salvezza: Figlia mia, quanti mi avrebbero abbandonato, se non li avessi crocifissi! La croce è un dono troppo prezioso, e da esso si apprendono molte virtù!»

“Tanto è ciò che mi aspetto che ogni pena mi è diletto” diceva il zelantissimo San Francesco d'Assisi. La stessa cosa dico a te per incoraggiarti a perseverare.

Ti saluto fraternamente in Gesù e Maria

Cordialiter