Per chiedere informazioni all'autore del blog, oppure per chiedere indirizzi di buoni conventi e monasteri, scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com

Visualizzazioni totali

domenica 13 settembre 2015

Libera di seguire Cristo

Una lettrice del blog mi ha chiesto di pubblicare il seguente messaggio:


Sono una ragazza di 20 anni e frequento il secondo anno di universitá (quasi finito:). Io ho sentito una chiamata dal Signore a 18 anni, ma quando ho detto a mia mamma che mi sarebbe piaciuto fare un'esperienza vocazionale per capire meglio, lei é andata su tutte le furie. Piangeva e non mi parlava piú. In quei giorni a causa dello stress le é venuto un attacco di emicrania e ha avuto una crisi respiratoria. A quel punto mio papá mi ha supplicato di restare a casa perché temeva che mia mamma morisse. Vi dico questo perché voi sappiate che quel periodo mi ha segnata profondamente e ho cominciato ad avere timore ad ascoltare ancora il Signore dopo quell' episodio. Questo é durato un anno. Un anno turbolento per me, perché sentivo di vivere una vita a metá. Cercavo il Signore supplichevole, ma allo stesso tempo temevo di sentirLo. 

Ragazze vi dico subito che fosse stato per me non Lo avrei piú trovato! É stato come quella prima volta in cui si é fatto conoscere a me: é Lui che mi ha trovata! State ben certe che Lui c'é per ognuno di noi. Fidatevi, abbiatene la certezza. Durante quell'anno l'ho offeso tanto, ma é stato Lui che per la Sua bontá ha avuto Misericordia di me. L'errore che ho fatto é credere che non potesse averne per me: non é vero! Lui ha voluto averne per tutti.

Mi ha ripreso e mi ha guarito dai miei timori e il mio cuore é potuto essere finalmente in pace! Ho fatto un percorso con Lui e la Madonna (perché ho scelto di impegnarmi a confidare in loro), che mi ha portato ad essere quella che sono ora: LIBERA di seguirLo! Non temo piú la disapprovazione perché qui c'é in ballo qualcosa di molto piú grande di me stessa: c'é in ballo la salvezza delle anime che, per grazie di Dio, mi sta a cuore! Faró quindi ció che il Signore vorrá e se nel frattempo qualcuno mi dará della pazza, accetteró con amore. Magari un giorno mia mamma capirá, ma intanto io vado avanti. Quando poi avrá capito, mi raggiungerá;)

Voi chiedete con tutte le vostre forze a Gesú e dopo siate sereni e umili, perché le vie del Signore noi non ce le immaginiamo neppure! É Lui che ci chiama e che ci ha dato una missione. Si é fidato di noi ed é giusto che noi ci fidiamo di Lui, della Sua Misericordia. Con Lui ce la faremo;) Coraggio! 
Un abbraccio.