Per chiedere informazioni all'autore del blog, oppure per chiedere indirizzi di buoni conventi e monasteri, scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com

Visualizzazioni totali

domenica 20 ottobre 2013

Vocazione nata vedendo Cristo nei sofferenti

Una ragazza francese, tempo fa è andata a un incontro vocazionale, e quando ha sentito parlare del desiderio di salvare le anime, ha subito pensato a questo blog sul quale aveva letto che i religiosi devono cercare ardentemente la salvezza delle anime.

Era presente una giovane suora inglese piena di gioia e di entusiasmo, la quale ha raccontato la storia della sua vocazione. È nata in una famiglia cattolica, e sin da bambina ha frequentato la Messa domenicale. Divenuta adulta iniziò a lavorare, aveva nel frattempo un fidanzato, una macchina, un appartamento e tutto quello che desiderava. Amava molto viaggiare.

Col suo boyfriend iniziò a pensare al matrimonio, ma per motivi di lavoro dovette allontanarsi da casa. Durante questo periodo di forzata separazione dal fidanzato, cominciò a farsi delle domande e a pensare se davvero lo stato matrimoniale fosse la sua vocazione. Dentro di sé si sentiva insoddisfatta, sentiva un grande vuoto. Poco dopo disse al suo partner che non voleva più sposarsi perché non era quella la sua vocazione. Così si tuffò nella preghiera e nella lettura della Sacra Scrittura per trovare aiuto. Sì confidò con un sacerdote che l'aiutò molto nel discernimento. Andò a trovare le "Petites Soeurs des Pauvres" (Piccole Sorelle dei Poveri); amava stare con queste suore, ma non si sentiva attratta da questa congregazione. Una volta una suora la portò a consolare un moribondo negli ultimi momenti di vita, quando si decide la sorte eterna di un'anima (chi muore in stato di grazia è salvo, chi muore in peccato mortale è dannato per sempre). Vedendo il modo fraterno con cui era stato assistito il moribondo, la ragazza inglese rimase molto colpita. Pensò a Gesù agonizzante sulla croce, e in quel momento Dio gli toccò il cuore. Così comprese qual era la sua vocazione e sentì subito una sensazione di pace.

Dopo quell'esperienza, chiese di poter entrare tra le "Petites Soeurs des Pauvres", e dopo un po' di tempo venne accettata nel noviziato. Adesso è suora ed è molto felice. La mia amica francese ha detto che quando quella suora parlava di Dio e della sua vocazione, sembrava come se fosse trasfigurata. Ha trovato molto bella la testimonianza di questa giovane suora, soprattutto l'incontro con Cristo crocifisso nei poveri.